Oktoberfest-sapere: Oans, zwoa, drei, g‘suffa!

Monaco di Baviera - Tra i riti più importanti all‘Oktoberfest ci sono i rituali del bere nel Wiesnzelt. Con brindisi e canti da bere la persona si fonde con la comunità.

I detti o brevi filastrocche sono ripetuti più e più volte con semplici melodie. Tra le canzoni, un visitatore non può sottrarsi al loro fascino.

Il Kappellmeister inizia il rituale: „Die Krüge hoch! Die Krüge hoch! Die Krüge hoch!“.

Tutti sollevano i boccali.

Segue la canzone "Ein Prosit der Gemütlichkeit".

I prezzi della birra dal 1810

Die Wiesn-Bierpreise seit 1810

E poi tutti cantano insieme: „Ein Prosit! Ein Prosit der Gemütlichkeit! Ein Prosit! Ein Prosit der Gemütlichkeit! Oans, zwoa, drei – g’suffa!“

Si brinda con tutti i vicini di tavolo e solo dopo si beve insieme. C’è la regola che il boccale dovrebbe essere tenuto solo con una mano, prendere la seconda mano è considerato "femminile" e quindi non è per gli "esperti" uomini.

tz

Rubriklistenbild: © dpa

Auch interessant:

Lesen Sie auch:

Hacker Zelt in sintesi

Hacker Zelt in sintesi

Hofbräuzelt in sintesi

Hofbräuzelt in sintesi

Löwenbräuzelt in sintesi

Löwenbräuzelt in sintesi

Kufflers Weinzelt in sintesi

Kufflers Weinzelt in sintesi

Kommentare